Domenica live: il rapimento del figlio di Lory Del Santo

Domenica live: il rapimento del figlio di Lory Del Santo

Domenica live: il rapimento del figlio di Lory Del Santo
Domenica live: il rapimento del figlio di Lory Del Santo

A Domenica Live è ospite Lory Del Santo che risponde alle accuse dell’ex riguardo il rapimento del figlio.

Durante Domenica Live, Lory Del Santo ribatte alle accuse dell’ex che non le permette di vedere il figlio e che dice che Lory l’abbia ricattato. “Lory Del Santo ha rapito nostro figlio in America e mi ha ricattato per farmelo vedere”, sono queste le parole dell’ex della donna.

Silvio Sardi è l’ex compagno della Del Santo. I due si sono lasciati, hanno provato a tornare insieme, ma non c’è stato nulla da fare. Sempre negli studi della trasmissione condotta dalla D’Urso, sono stati mostrati dei documenti in base ai quali la Del Santo avrebbe ricattato l’uomo non permettendogli di vedere il bambino. La stessa Del Santo ribatte dicendo: “Purtroppo sono rimasta incinta dopo che è finita, ma non mi ha pesato più di tanto. Pensavo che a quel punto lui sarebbe cambiato, diventando una persona migliore. Ma così non è stato“. La Del Santo ricorda che lei ha cresciuto il figlio in quanto l’uomo non se ne è mai occupato e non si è mai interessato di lui.

Lo stesso Sardi, in un collegamento video, ribatte, dicendo: “Se paghi vedi tuo figliò, mi veniva detto. Ma io odio i ricatti, così non ho accettato. Io e mio figlio ci siamo visti qualche volta mentre lui era in viaggio studio negli Stati Uniti. Dopo l’estate 2008 non ho più avuto sue notizie. La signora Lory Del Santo ha cresciuto Devin come madre e padre“.

A questa accusa, la stessa Del Santo ribatte dicendo: “Lui ha rapito mio figlio. Non dico che la nostra storia non sia stata bella e importante, altrimenti lo avrei lasciato prima. Ma non è successo quello che lui dice e scrive. Ho tutti i documenti che lo provano. Mi ha mandato tre assegni in bianco e basta. Questo è tutto quello che ha fatto per suo figlio“.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...