Furore compie 20 anni e riparte su Rai 2 COMMENTA  

Furore compie 20 anni e riparte su Rai 2 COMMENTA  

A 20 dall’esordio, torna grande richiesta il programma televisivo musicale Furore, condotto da Alessandro Greco (foto) e da altri. Prossimamente partirà Furore – 20 years, sempre su Rai 2, sempre condotto da Greco dopo un periodo di assenza dalla TV, ma questa volta sarà affiancato da due nuovi presentatori, i comici napoletani Gigi e Ross, all’anagrafe Luigi Esposito e Rosario Morra, che hanno lasciato la nota trasmissione di cabaret Made in Sud, ora condotta da Gigi D’Alessio con Fatima Trotta ed Elisabetta Gregoraci.


Furore – 20 years inizierà il 29 marzo in prima serata con lo stesso meccanismo del passato: due squadre, rispettivamente di uomini e donne del mondo dello spettacolo, saranno protagoniste di una gara musicale, che verrà vinta da chi otterrà più punti.

Furore non è certo l’unico programma dello stesso genere in questo periodo: riuscirà a fare “furore” – si perdoni il facile gioco di parole – come in passato?

La trasmissione, versione di quella francese La Fureur, era andata in onda per la prima volta dal 16 maggio 1997 al 10 agosto 2001 ed era andata talmente bene che era stata riproposta dal 23 maggio al 25 luglio 2003, questa volta condotta non da Greco ma da Daniele Bossari e Ciccio Valenti, e nel 2007 in una puntata speciale all’interno del programma La sposa perfetta di Cesare Cadeo.

Le coreografie erano di Saverio Ariemma, la direzione musicale di Stefano Palatresi e i costumi realizzati da Daniela Rossi. Cinque anni fa era stata avanzata la proposta di rifare Furore, ma il progetto sfumò, come ha raccontato lo stesso Alessandro Greco in un’intervista.

L'articolo prosegue subito dopo

Questa volta c’è chi ha creduto in “qualcosa che ancora oggi ha motivo di esistere”, ha spiegato il conduttore, dicendosi “orgoglioso che mi abbiano richiamato”. Si è anche detto “molto contento” dell’arrivo di Gigi e Ross: nessuna gelosia, ha aggiunto, perchè “è un sentimento che non mi appartiene”. Ha poi detto di aspettarsi di “divertirmi e di metterci energia ed entusiasmo” – invece, ha dichiarato, pur “con grande rispetto”, che non rifarebbe il reality – show La Talpa, perché “Vivevo la totale assenza di una componente artistica con grande disagio e frustrazione ed è inutile dire che se avessi avuto un programma da condurre, molto probabilmente non avrei mai accettato –.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*