Il Serpente che ha fatto la storia di Bulgari COMMENTA  

Il Serpente che ha fatto la storia di Bulgari COMMENTA  

“L’unica parola che Liz Taylor conosce in italiano è Bulgari”, disse un giorno Richard Burton riferendosi al “mito” Liz Taylor. La scintilla fra i due era appena scoccata, ma la passione dell’attrice per l’alta gioielleria (in particolare per i serpenti, conosciuti sul set del film “Cleopatra”) era nota a tutti. Soprattutto a lui, che non perse tempo per recarsi con la diva nel negozio “Bulgari” di Via Condotti a Roma, per uscire poi dalla porta secondaria che si affacciava su un giardinetto interno.


I serpenti fanno parte della tradizione orafa fin dall’antichità. Quelli di Bulgari creati fra gli anni 50 e 70 hanno fatto una storia a sè, anzi sono diventati una leggenda.

Lo racconta un libro affascinante, pieno di immagini che ritraggono attrici e regine avvolte nelle celebri spire, intitolato “Bulgari, Serpenti collection” di Marion Fassel, edizioni Assouline.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*