Il verme nella bottiglia di tequila COMMENTA  

Il verme nella bottiglia di tequila COMMENTA  

Il “verme nella bottiglia di tequila” è una convinzione popolare che sostiene la presenza di un verme nel fondo di alcune bottiglie. In realtà, nella bottiglia di tequila non troveremo il verme – ma è possibile vederlo in alcune bottiglie di mezcal, un tipo di alcool distillato dalla pianta di agave. Tecnicamente, la tequila è un tipo di mezcal, ed ecco da cosa è nata la convinzione.

 

 

 

Mezcal e Tequila

Il mezcal è un tipo di alcool distillato dal succo fermentato di piante di agave o maguey. La tequila è una varietà di mezcal, distillata dalla pianta di agave blu (Agave Tequiliana Weber), che gli conferisce il suo sapore unico. Legalmente, la tequila può essere prodotta solo nello stato di Jalisco, una regione centro-occidentale del Messico. Il mezcal, d’altro canto, può essere (ed è) prodotta in tutto il Messico. Il mezcal ha un caratteristico, sapore affumicato che viene dalla cottura delle piante maguey dentro  forni a carbone, mentre la tequila ha un sapore dolce e forte che proviene dall’aggiunta di canna da zucchero.


  Storia del verme

Il verme è stato aggiunto al mezcal nel 1950 da un imprenditore di Città del Messico chiamato Jacobo Lozano Paez. Poichè i vermi di tanto in tanto entravano nelle partite di mezcal, vivendo proprio nelle piante di agave, è nata questa trovata di marketing: includere deliberatamente un verme nelle bottiglie e diffondere il mito del verme dalle “proprietà magiche”. Oggi, il verme nella bottiglia di Mezcal è una tradizione consolidata.

Informazioni sul verme

Il verme nel mezcal non è in realtà un verme vero e proprio, ma piuttosto la forma larvale di un lepidottero, che scava e mangia la pianta di agave. Ci sono due famiglie di “vermi” del mezcal – la larva rossa che si trova nel cuore della pianta dell’agave e la larva dorata che si trova sulle foglie della pianta di agave. La larva rossa viene considerata più preziosa perché viene dal cuore della pianta.


Miti e tradizioni

Il “verme del mezcal” è considerato depositario di proprietà speciali che si possono trasmettere anche alla persona che lo mangia, virtù in parte ereditate dalla tradizione,  in parte inventate sul momento come manovra di marketing.

L'articolo prosegue subito dopo

Si ritiene che abbia proprietà afrodisiache, facendo fare prodezze sessuali a coloro che lo consumano. Si pensa anche che diano forza e che abbiano proprietà allucinogene. Nessuno di questi poteri sono mai stati dimostrati, ma il verme è abbastanza sicuro da mangiare, quindi non c’è ragione per non scoprirlo da soli!

3 Commenti su Il verme nella bottiglia di tequila

  1. Maria Teresa Milia Fio era questa la storia che ti dicevo!! :/ Diego Daniele Olzai rendo partecipe anche te di questa cosa terrificante!!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*