Perché le persone indossano il kilt?


Quando pensi alla Scozia pensi immediatamente al kilt, il gonnellino scozzese indossato dai giocatori e dagli uomini nel film “Braveheart”. Nonostante sia cambiato molto nel corso degli anni, è un forte simbolo della Scozia. Ma pochi sanno perché gli scozzesi indossino il kilt e come è iniziata la tradizione.

Leggi anche: Al Tunnel di Milano ritorna Brett Anderson

La storia:
si è iniziato a indossare il kilt nel 1500, ma è diventato un trend solo 300 anni dopo , secondo il libro di Newsome “La storia del kilt” e di conseguenza il film “Braveheart” che ha fatto conoscere anche il kilt, è datato 1200.

Leggi anche: “Bellimbusti in tour”- Il tour 2010 di Elio e le Storie Tese

L’adattamento moderno:
secondo un articolo apparso su ScottishHistory.com, gli scozzesi hanno indossato nel 1500 dei lunghi drappi che partivano dalle spalle e giungevano fino alle ginocchia. Siccome i tempi cambiano, gli scozzesi hanno abbandonato questi drappi e indossato il kilt che vediamo oggi.

Leggi anche: Date concerti Muse 2016 Milano

Il simbolo nazionalista:
secondo Newsome, il re Giorgio II di Inghilterra con il kilt ha creato un simbolo della Scozia. Gli scozzesi hanno iniziato a indossare il kilt per protesta e i drappi sono giunti a rappresentare l’ideale romantico del passato scozzese.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche: E’ morto Lemmy, il leader dei Motorhead si è spento a 70 anni

L’uso odierno:
oggi chi indossa il kilt lo fa essenzialmente per l’eredità scozzese. E’ usato dai ballerini in gara nelle danze oppure si indossa per matrimoni o eventi simili.

Leggi anche: Guns N’ Roses: reunion misteriosa, mancano i nomi di mezza formazione

La moda:
il kilt è diventato un abbigliamento di moda per le donne e i giocatori di hockey. I kilt sono indossati dai cantanti delle band punk-rock, come la band Flogging Molly, secondo il sito della band.

Leggi anche

Villa stregata di Cona
Viaggi

Villa Magnoni, Ferrara: maledetta e stregata

A Cona, in provincia di Ferrara, seppellita nella vegetazione tra rovi ed edera, Villa Magnoni è un'antica villa signorile ora abbandonata e infestata. In provincia di Ferrara, a Cona, sepolta sotto una fitta vegetazione fatta di arbusti, alberi, edera e rovi che oramai è diventata un vero e proprio bosco, si trova, nascosta alla vista della Strada provinciale 22, il rudere di quella che una volta era una sontuosa villa signorile: Villa Magnoni. Nessuno sa a chi appartenga quest'edificio: secondo la gente del posto è ora proprietà della Croce Rossa Italiana, per altri appartiene al comune di Cona mentre secondo [...]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*