Schede video: le migliori sul mercato

Tecnologia

Schede video: le migliori sul mercato

schede video

Quali sono le caratteristiche di una buona scheda video. E quali sono le migliori schede video attualmente sul mercato? Scopriamolo insieme.

Schede video: che cosa sono e a cosa servono

Procedendo per metafore, se il processore di un computer – o di qualsiasi altro elaboratore elettronico – corrisponde grossomodo alla centralina elettrica di una macchina, se la RAM rappresenta il motore, se l’hard disk o la SSD corrisponde al serbatoio, una scheda video (magari in combinato disposto con la scheda audio) può trovare il suo match nell’albero di trasmissione, nel semiasse, nel differenziale e infine nelle ruote, ovvero in tutto ciò che traduce l’energia cinetica sprigionata dal motore in movimento. Ebbene sì, le schede video sono responsabili (o al massimo corresponsabili, appunto assieme alle corrispettive audio) della “messa in strada” del lavoro del computer, e di come esso, letteralmente, si mostra al pubblico. Una buona scheda video, per quanto dipendente dalla CPU e dalle prestazioni di quest’ultima, può persino tamponare, o mascherare, i limiti di quest’ultima. Molto più difficile pensare che avvenga il contrario.

Schede video: come funzionano

Sostanzialmente, una scheda video non è altro che un trasduttore di segnale: si occupa, cioè, di trasformare un preciso impulso elettrico proveniente dal processore in un segnale luminoso, che andrà a comporre l’immagine che apparirà sullo schermo del computer.

Dobbiamo tenere in considerazione il fatto che ogni singolo comando che noi impartiamo al nostro elaboratore (senza contare quelli che si attivano in automatico, come ad esempio le notifiche), dal momento in cui lo accendiamo sino a quando non lo spegniamo, viene elaborato dal processore, e nella maggior parte dei casi questo comando si traduce in una modifica, dalla più minimale alla più vistosa, dell’assetto grafico della schermata video. Anche un semplice movimento del cursore del mouse di pochi millimetri rientra in questo ambito: la scheda video, in questo caso, deve essere capace di recepire il comando della CPU di spostare il cursore del mouse da punto X al punto Y e visualizzare questo movimento praticamente in tempo reale. Immaginatevi dunque il lavoro che una scheda video è chiamata a compiere in caso di riproduzione di un materiale audiovisivo di alta qualità, come un film o una serie TV in alta definizione.

E immaginate, in maniera ancora più significativa, la mole di lavoro che deve svolgere, e la velocità a cui deve svolgerla, quando ha a che fare con un videogioco di ultima generazione, spesso caratterizzato da decine, o addirittura centinaia, di elementi grafici che si avvicendano sullo schermo a velocità vorticose.

Schede video: caratteristiche

Sulla scorta di quanto appena descritto, appare chiaro che alcune caratteristiche specifiche informano in maniera determinante la qualità e il tenore delle prestazioni delle schede video. Quindi, per determinare se un esemplare piuttosto che un altro corrisponda alle vostre esigenze specifiche, al momento dell’acquisto è consigliabile prendere in esame in primis tali parametri. Uno di questi è sicuramente la frequenza di elaborazione delle informazioni: più questa è alta, maggiore sarà la velocità della scheda grafica a tradurre in immagini gli input che le giungono dalla CPU, e minore il rischio di incorrere in rallentamenti e sfarfallii in caso di quantitativi di informazioni particolarmente ingenti da smaltire.

Un altro parametro di primaria importanza è la memoria dedicata: ogni scheda video, infatti, possiede una partizione di memoria interna, che le consente di crearsi un database di informazioni video pre-elaborate, da richiamare in caso di necessità senza doverle rielaborare ex-novo ogni volta. Infine, sono molto importanti le uscite: se un tempo, ci si poteva accontentare di un paio di prese VGA, oggi quantomeno c’è bisogno di un paio di HDMI per la corretta trasmissione di segnali video in alta definizione. E proprio a proposito di quest’ultima qualità, la potenza di una scheda video determina anche la definizione dell’immagine che questa può supportare.

Date queste premesse, nelle righe che seguono andremo a individuare dieci modelli di scheda video (che potreste trovare definita anche come scheda grafica: i termini sono equivalenti, e indicano il medesimo oggetto) che vale la pena considerare per un eventuale acquisto. Come sempre, abbiamo preso in considerazione diverse fasce di prezzo e diversi range di prestazioni, per venire incontro a un ventaglio di esigenze quanto più possibile ampio e variegato.

– Sapphire Nitro Radeon RX 480 OC

Uno dei top player assoluti per quanto riguarda le schede video.

La migliore a sfruttare gli 8 GB dedicati al massimo delle loro potenzialità. Provvista di tutte le uscite necessarie a un funzionamento ad ampio raggio, comprese due porte HDMI. Il costo non è amichevole, ma per coloro che cercano qualcosa di molto prossimo alla perfezione si tratta di un investimento a lungo raggio, anche in considerazione della resilienza e della durata. La casa produttrice è tra le migliori del settore: con sede a Hong Kong, si sta specializzando in prodotti di alto profilo, anche a costo di sacrificare alcune fette di mercato.

– Asus GeForce ROG Strix GTX1080

L’azienda produttrice con sede a Taiwan, fra uno smartphone e un laptop ha deciso da tempo di mettersi in proprio e di prodursi da sola le proprie schede video. E fa bene, se i prodotti sono di questa risma. Gli 8 GB di memoria dedicata di questa scheda video pensata appositamente per il gaming risplendono nell’espressione delle potenzialità del dispositivo: anche laddove impegnata con software particolarmente dispendiosi, mostra una fluidità e una pienezza dei movimenti assolutamente pregevole. Consigliato ai gamer più incalliti.

– Gigabyte GV N1070G1Gaming 8GD

Scheda grafica dalla destinazione d’uso dichiarata già dal nome: 8 GB dedicati al gaming più forsennato, senza rallentamenti o difetti di elaborazione. Ciò malgrado, questo dispositivo si presta agli utilizzi più disparati: è utile, infatti, anche per chi lavora con AutoCAD. Non è la prima volta, in questo elenco, che sentiremo parlare di Gigabyte, azienda con sede a Taiwan, tra le realtà rampanti nel settore.

– Gigabyte GeForce GTX 1060 Xtreme Gaming

Altra splendida famiglia di schede video per hardcore gaming, anche se possiede solo (si fa per dire) 6 GB di memoria dedicata è praticamente impossibile accorgersi del gap che la separa dai modelli poco sopra menzionati. Frequenza della CPU di 1506 MHz e una risoluzione video massima da far saltare di gioia. Rimarrete stupiti dalle prestazioni che sarà in grado di offrirvi. Come già accennato, Gigabyte è un’assoluta protagonista del settore, e il prezzo a cui propone questo tipo di dispositivo rappresenta un autentico affare.

– Asus Turbo GeForce GTX1060

Ancora da Asus, una scheda grafica di alto profilo, con 6 GB di memoria dedicata e una serie di software che assicurano una maggiore fluidità di scorrimento. Il gaming è forse l’ambito di interesse in cui questo dispositivo può dare sfoggio di tutte le sue straordinarie potenzialità, ma si tratta in ogni caso di un dispositivo duttile e adatto a una molteplicità di applicazioni.

– EVGA GeForce GTX 1060

Altra scheda video da 6 GB di spazio memoria dedicato, che per una volta presta una specifica attenzione anche all’hardware. I materiali, infatti, sono di primissima qualità, e assicurano una durata del dispositivo nettamente superiore a quella di altri prodotti similari (anche più costosi), oltre a prestazioni ottimali anche in caso di surriscaldamento del dispositivo su cui è montata. La casa produttrice, è stata fondata nel 1999 in California: dunque, è appena diventata maggiorenne, eppure è già in grado di dare filo da torcere alle più ricche e potenti corporation del settore.

– Gigabyte nVidia GeForce GTX 1050

Apriamo la casistica delle schede madri da 4 GB di spazio memoria dedicato con quello che è, con ogni probabilità, il modello che riesce meglio di tutti a fare di necessità virtù, sfruttando a dovere le risorse a disposizione e ottimizzandole in maniera tale da dare l’impressione di riuscire a superare i propri limiti. E non è un caso che a proporlo sia proprio Gigabyte, ovvero l’azienda che più di tutte riesce ad armonizzare risparmio e prestazioni di qualità. Senza peraltro cedere – almeno in questo caso – neanche sul piano dei materiali, tutti di livello eccellente.

– Gigabyte Radeon RX 460 Windforce OC 4 GB

Altra scheda grafica da 4 GB, sempre prodotta dall’azienda taiwanese. In questo caso, il gioco al risparmio è decisamente più visibile, tuttavia le capacità performative di questo dispositivo sono in ogni caso di tutto rispetto. Non adattissimo ai gamer più evoluti, quelli che cercano la perfezione, ma l’ideale, ad esempio, per supportare video in HD: quindi per amanti delle serie TV in streaming online, da Netflix in giù, va più che bene.

– MSI GeForce N730

Entriamo decisamente nel comparto economico, con una scheda video prodotta dall’ennesima compagnia taiwanese, specializzata in dispositivi di profilo medio-alto ma dai costi contenuti (tenete d’occhio soprattutto i computer portatili). Con i suoi 4 GB di memoria dedicati, svolge ottimamente l’ordinaria amministrazione ed è capace di spingersi ben oltre, ad esempio nell’ambito del gaming medio-alto. Hardware di discreta qualità.

– Asus GeForce Strix GTX1050 TI

In teoria, questa famiglia di schede video per gaming con 4 GB di spazio memoria dedicati, apparterrebbe a una fascia media, o persino medio-alta, di prestazioni. La posizioniamo in ultima posizione non per demeriti dal punto di vista delle performance, ma per un rapporto tra qualità e prezzo non del tutto vantaggioso. In compenso, chi è risoluto a spendere anche qualche decina di euro in più rispetto alla media, potrà mettere le mani su un dispositivo che, pur nei suoi oggettivi limiti tecnici, riesce a offrire prestazioni ben oltre le più rosee aspettative.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Google Gravity
Tecnologia

Che cos’è Google Gravity

19 agosto 2017 di Notizie

Google Gravity è un piccolo trucco che rende i vari elementi della schermata di Google momentaneamente soggetti alla forza di gravità.