×

Bob Dylan, l’accusa di una donna: “Nel 1965 abusò di me quando avevo 12 anni”

Bob Dylan è finito al centro di una polemica dopo l'accusa di una donna, che ha dichiarato di essere stata violentata dal cantante.

Bob Dylan

Bob Dylan è finito al centro di una polemica dopo l’accusa di una donna, che ha dichiarato di essere stata violentata dal cantante quando aveva solo 12 anni. Un’accusa davvero grave e piena di dettagli.

Bob Dylan, l’accusa di una donna: “Abusò di me quando avevo 12 anni”

Bob Dylan è stato accusato di abusi sessuali da parte di una donna. I fatti sarebbero accaduti nel 1965, quando lei aveva solo 12 anni. JC, che oggi ha 68 anni, ha raccontato che il cantautore avrebbe “sfruttato il suo status di musicista adescandola per ottenere la sua fiducia e il controllo su di lei“. Ha raccontato che l’avrebbe drogata e le avrebbe fatto bere alcol, per poi molestarla e abusarne sessualmente per sei settimane, tra aprile e maggio 1965.

Gli abusi sarebbero avvenuti anche nel famoso Chelsea Hotel di New York. In un comunicato, un portavoce di Bob Dylan ha dichiarato che “la denuncia contiene soltanto falsità e sarà contrastata in ogni sede e con ogni mezzo” .

Bob Dylan accusato di abusi sessuali: la denuncia

Secondo quanto riportato dalla denuncia, depositata presso la Corte Suprema di Manhattan, Bob Dylan, il famoso cantante di “Blowin’ in the Wind”, avrebbe cercato di stabilire una “connessione emotiva” con la donna che ha sporto la querela, JC.

Lo scopo del cantautore sarebbe stato quello di “abbassare le sue inibizioni con l’obiettivo di abusare sessualmente di lei” si legge nella denuncia. La donna ha raccontato che il cantante aveva non solo usato il suo fascino per riuscire a stabilire una connessione emotiva, ma l’aveva anche spinta a bere e a drogarsi, “lasciandola ferita e psicologicamente instabile fino ad oggi“. Le conseguenze di cui parla la donna che accusa Bob Dylan sarebbero ancora molto presenti e pesanti nella sua vita.

Avrebbe avuto una forte depressione, dovuta al fatto di essersi sentita umiliata e ferita. Inoltre, ha sviluppato uno stato di forte ansia “di natura permanente e duratura”. La denuncia parla chiaro ed è piena di dettagli, ma il portavoce del cantautore ha voluto immediatamente smentire tutto, sottolineando che si tratta solo di falsità.

Bob Dylan accusato di abusi: citato in giudizio

La donna ha citato in giudizio Bob Dylan un giorno prima della chiusura della finestra per la presentazione di qualsiasi tipo di reclamo ai sensi del Child Victims Act dello Stato di New York. Si tratta di una legge del 2019 che permette alle vittime di abusi di citare in giudizio i loro presunti aggressori a prescindere dai tempi di prescrizione. Una legge molto importante e molto utile per le donne vittime di violenza. Ora dovranno cercare di capire se il racconto della donna è vero, oppure se la realtà è quella raccontata dal portavoce del cantante. Ci sono numerosi dettagli da valutare, anche perché la donna è stata davvero molto dettagliata nella sua denuncia e nel suo racconto.

Contents.media
Ultima ora