×

Calciatori no vax, in Serie A sarebbero in 20 senza il vaccino: chi sono

In Seria A i calciatori no vax sarebbero una ventina e dal 15 ottobre dovranno sottoporsi al tampone ogni 48 ore.

Calciatori no vax Serie A

Il mondo del calcio, così come ogni altro settore lavorativo, ha una propria percentuale di lavoratori, in questo caso calciatori, no vax. In Serie A, nello specifico, la percentuale di vaccinati è tra le più alte in Europa, il 98%, mentre la restante parte sarebbe costituita – secondo quanto rifetito da La Repubblica – da una ventina di calciatori e vari componenti dei team delle squadre.

Ci sarebbero squadre interamente vaccinate e poi una compagine con ben 5 no vax al suo interno. 

Calciatori no vax in Serie A

Cosa succederà ai giocatori no vax a partire dal prossimo 15 ottobre, quando cioè il certificato vaccinale diventerà obbligatorio in tutto il paese per poter accedere nei luoghi di lavoro? A quanto si apprende da Repubblica, la commissione medica della Figc pubblicherà un nuovo protocollo che si allinearà con le normative nazionali e dunque chi non ha effettuato il vaccino dovrà sottoporsi ad un tampone ogni 48 ore per poter svolgere la propria attività. 

Seria, circa 20 i calciatori no vax

Andando un po’ a cercare di capire chi e perchè ha scelto di non vaccinarsi, possiamo basarci solo su quanto le società hanno deciso di voler comunicare all’esterno. Milan, Udinese e Sassuolo hanno scelto di non esprimersi sul tema, mentre società come il Genoa hanno venduto un giocatore che non voleva vaccinarsi e altre ancora hanno esteso la comunicazione dei dati anche alla Primavera e alla squadra femminile. Sono 7, al momento, le società che dichiarano di avere il 100% dei vaccinati. 

Calciatori no vax in Serie A, sarebbero 20

Stando sempre a quanto riferito da La Repubblica, la maggior parte dei calciatori non vaccinati sarebbe rappresentato da giocatori stranieri, in particolar modo da coloro che provengono dall’Africa e dal Nord Europa. In alcuni casi alla base del diniego vi sarebbero poi anche dei motivi religiosi.

Contents.media
Ultima ora