×

In Arte Agnese presenta “Frenami”: “Ogni fine porta un nuovo inizio, non bisogna lasciarsi annullare”

“Frenami” è un grido di “empowerment al femminile", un invito a non lasciarsi annullare, ma valorizzare sempre la propria persona: lo racconta In Arte Agnese.

In Arte Agnese Frenami

È gentilezza sincera e carisma allo stato puro. È sensibile e appassionata e così, dall’amore per la musica, prende forma una carriera lucente e luminosa. In Arte Agnese presenta nell’intervista esclusiva il suo nuovo singolo, “Frenami”.

In Arte Agnese, il suo nuovo singolo è “Frenami”

Voce potente e intensa si unisce a sonorità fresche e moderne, dando vita a un brano che coinvolge e fa riflettere: “Frenami” racconta una storia d’amore finita in cui la parte lesa rifiuta di lasciarsi andare alla tristezza o logorarsi dal senso di colpa, ma affronta la rottura. Prende forza, si fa coraggio, riprende in mano la propria vita e supera l’ostacolo in cui è inciampata. La volontà è quella di reagire a testa alta, senza richiudersi in sé stesse.

Una forte affermazione d’identità, in cui si respinge l’idea di farsi definire dall’altra persona e dalla storia d’amore ormai conclusa. Un inno all’unicità e al valore prezioso della propria persona, che è speciale e resta ineguagliabile. Uno sfogo perché nessuno prenda il sopravvento sulla propria individualità, modellandola a proprio piacimento e annullandoci come fossimo burattini con fili tesi manovrati da altri. Il titolo – dal tono ironico – è una vera e propria sfida, un “prova a fermarmi” che rappresenta l’inizio di un nuovo capitolo.

Il brano è stato scritto da Karin Amadori, Valerio Carboni, Agnese Conforti e Diego Calvetti e a proposito del progetto realizzato, In Arte Agnese ha dichiarato:A tutti capita di trovarsi davanti a una fine. La fine di una relazione o di un percorso. Spesso tendo a lasciarmi traportare dalla negatività, ma di fronte agli ostacoli bisogna rialzarsi e trasformare la caduta in qualcosa di positivo e costruttivo.

Nella canzone si racconta una storia finita male, ma non per forza si tratta di qualcosa di negativo. È un inno di vittoria con sé stessi. La musica è una sublimazione di energia ed emozioni, sia buone sia cattive. Con la musica mi affaccio alla stanza più buia di me stessa così: nascono così le mie canzoni e, rileggendo il testo che scrivo, razionalizzo meglio alcuni lati di me, prendo maggiore consapevolezza e imparo a conoscermi meglio”.

In Arte Agnese Frenami

“Frenami” è un grido di “empowerment al femminile”, una piena consapevolezza riguardo la propria identità e la capacità di compiere scelte significative per sé stesse. Credendo fortemente che scrivere canzoni sia come fare un’”autoanalisi psicologica”, l’artista affida alla musica una funzione catartica. La musica è per lei una valvola di sfogo che ha il compito di liberarla e di farla sentire meglio. Nei testi della giovane cantautrice, le parole sono specchi nei quali riflettersi e trovare conforto. La sua è “musica non binaria, per treni deraglianti”, come la definisce la stessa artista.

In Arte Agnese ricorda di non annullarsi mai, ma per lei questo consiglio quanto è importante? “Scrivo canzoni in primis per me stessa, per esternare qualcosa che ho dentro. Sono un individuo a sé, anche con le mie debolezze. Non possiamo definire noi stessi o il nostro mood giornaliero a seconda di un’altra persona. Avere una persona al nostro fianco è bellissimo, è un plus, un arricchimento. Ma ognuno resta unico e deve avere a cuore il proprio benessere, anche emotivo”.

Ma chi è Agnese e chi In Arte Agnese? “Agnese è una ragazza normale, amante del cibo e a volte non troppo appassionata della sua vita. In Arte Agnese, invece, vuole essere la parte migliore di me. Non è necessariamente la parte più bella. Ama le differenze tra le persone e anche quelle che ha in sé stessa. Ama il tutto in divenire. Anche la sua musica è sempre in divenire. Forse Agnese è la ragazza che fatica un po’ di più, quella che non ci ha creduto abbastanza”, due anime differenti eppure tanto complementari.

In Arte Agnese, da “Frenami” ai prossimi progetti

Giovanissima (classe 1994), Agnese Conforti è una cantante e cantautrice di origini toscane che matura la sua passione per la musica quando era solo una bambina. A 6 anni, “compone” la sua prima canzone simulando una batteria con padelle e pentole, intitolandola “Brivido d’amore”. La sua formazione musicale si consolida durante le elementari, quando inizia a studiare chitarra e pianoforte. Nel 2013 entra a far parte, sempre come frontwoman, del gruppo blues/jazz Laid Back ed è solista, negli stessi anni, del coro gospel i Servi Della Gioia. Nel 2015 inizia la collaborazione con il Platinum Studio, partecipa a diversi concorsi, vincendone alcuni, fino ad arrivare tra i 60 finalisti di Sanremo Giovani nel 2016, con il brano “Unda”. Si trasferisce in seguito a Torino dove, mentre studia psicologia, entra a far parte della scena musicale urban/hiphop, elettronica e it-pop della città, esibendosi in molti locali. È proprio qui che si rende conto di non amare le etichette e le convenzioni, né della musica né della vita, ma che preferisce sperimentare sfruttando le contaminazioni musicali di cui è ormai carica.

In Arte Agnese Frenami

In Arte Agnese è entusiasta di far conoscere ai fan il suo nuovo singolo, “Frenami”, ma non mancano neppure i pensieri per il futuro. Parlando dei prossimi progetti, infatti, ha svelato: “Ho altri singoli nel cassetto, i quali entreranno a far parte di un progetto più grande: un album. Spero anche di salire presto sul palco, emozionandomi con chi è davanti a me: mi piacerebbe andare in giro a presentare la mia musica”.

Contents.media
Ultima ora