×

Coronavirus, in Campania Vincenzo De Luca chiede l’Esercito

Condividi su Facebook

Emergenza coronavirus in Campania: chiesto “un impegno straordinario delle forze dell'ordine e la presenza dell’Esercito”.

coronavirus vincenzo de luca passeggiate

Coronavirus in Campania, il governatore Vincenzo De Luca chiede l’intervento dell’Esercito. Il presidente della giunta regionale campana è preoccupato dal rischio di contagio. Sono in particolare gli assembramenti a togliere il sonno a De Luca, ex sindaco-sceriffo di Salerno. Nei giorni precedenti il governatore aveva già anticipato diversi provvedimenti del Governo centrale. Basti pensare al blocco delle consegne a domicilio e gli spostamenti ingiustificati.

Coronavirus, in Campania arriva l’Esercito

Stavolta l’emergenza coronavirus in Campania ha spinto De Luca a scrivere al presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, ai ministri dell’Interno e della Difesa e al Capo della Protezione Civile Nazionale. “Nonostante i numerosi provvedimenti adottati – ha scritto il presidente – per finalità di prevenzione e contenimento del rischio di contagio da Covid-19, in diverse parti del territorio regionale continuano a registrarsi ancora assembramenti dei cittadini e trasgressioni alle prescrizioni che sono state imposte in sede nazionale e regionale”.

Misure inefficaci senza capillari controlli

Vincenzo De Luca sulla questione coronavirus in Campania ha specificato che le misure contenute nell’ultimo Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Dpcm) “non possono rivelarsi efficaci se non vengono garantiti capillari controlli e se non si irrogano le necessarie sanzioni nei confronti di comportamenti gravemente irresponsabili”.

Il governatore ha quindi chiesto “un impegno straordinario delle forze dell’ordine e la presenza dell’Esercito”. Si tratta di “misure ormai indispensabili in funzione della dissuasione degli assembramenti, della mobilità ingiustificata, di forme illegittime di ambulantato sul territorio”.


In Campania oltre 180 casi

I casi positivi di coronavirus in Campania hanno superato ormai i 180 totali. Centro di riferimento è l’ospedale Cotugno di Napoli che quotidianamente analizza i tamponi provenienti dai centri del territorio e dove è stato sperimentato un farmaco anti-artrite dagli esiti incoraggianti.

“Necessarie e condivisibili le misure restrittive del Governo. Necessario e decisivo il senso di responsabilità di ogni cittadino italiano – ha detto De Luca subito dopo il discorso del premier Conte – Decreti e ordinanze sono efficaci se c’è chi le fa rispettare rigorosamente al di là del senso di responsabilità di ogni singolo cittadino.

È assolutamente necessario un impegno straordinario, chiaro ed esplicito, di tutte le forze dell’ordine e anche delle Forze Armate per garantire che concretamente le decisioni siano rispettate e per sanzionare concretamente i contravventori”.

Giornalista, copywriter, social media manager, esperto di comunicazione. Ho lavorato per Il Mattino ed è stato caporedattore centrale de il Gazzettino vesuviano. Laureato in Scienze della Comunicazione, ho conseguito un Master in Ufficio Stampa, Digital Pr e Influencer Marketing per la Cultura. Con la mia tesi su “La crisi del giornalismo” ho vinto il Premio Nazionale Nostalgia di Futuro organizzato da Fieg. Collaboro con iGv Network, con Antimafia Duemila e con Media Duemila e sono il fondatore di Effequadro.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Francesco Ferrigno

Giornalista, copywriter, social media manager, esperto di comunicazione. Ho lavorato per Il Mattino ed è stato caporedattore centrale de il Gazzettino vesuviano. Laureato in Scienze della Comunicazione, ho conseguito un Master in Ufficio Stampa, Digital Pr e Influencer Marketing per la Cultura. Con la mia tesi su “La crisi del giornalismo” ho vinto il Premio Nazionale Nostalgia di Futuro organizzato da Fieg. Collaboro con iGv Network, con Antimafia Duemila e con Media Duemila e sono il fondatore di Effequadro.

Leggi anche