×

14 febbraio 842: Il Giuramento di Strasburgo

default featured image 3 1200x900 768x576
Sacramenta Argentariae

Come voleva la legge salica, dopo la morte di Ludovico il Pio, erede unico dell’impero costruito da suo padre, Carlo Magno, il regno venne equamente spartito tra i due figli superstiti avuti dalla regina Ermengarda de Hesbaye e quello avuto dalla seconda moglie Giuditta di Baviera: al primogenito Lotario andò il titolo di imperatore e i territori centrali dell’impero, che corrispondono agli odierni Paesi Bassi, Lotaringia o Lorena (che prese appunto da lui il nome), Borgogna, Alsazia, Provenza, Svizzera e Nord Italia; al secondogenito Ludovico, detto il Germanico, la parte orientale dell’impero corrispondente grosso modo alla Germania e all’Austria; al figlio avuto con Giuditta, che ereditò i territori del terzo figlio di Ermengarda, Pipino, morto prematuramente, Carlo il Calvo, la parte occidentale, quella che sarebbe poi diventata la Francia.

Fin da subito tra i tre fratelli scoppiò una lunga e violenta guerra civile per questioni di onori, titoli e territori,che segnò l’irreversibile fine del sogno di Carlo di un nuovo grande impero che comprendesse tutta Europa. In una delle tante fasi che segnarono questo conflitto, Carlo e Ludovico decisero di allearsi insieme contro il fratello Lotario. Per suggellare questo patto firmarono il cosiddetto Giuramento di Strasburgo (Sacramenta Argentariae) dal nome della città dove si incontrarono i due sovrani.

Questo documento è di enorme importanza in quanto è il primo scritto in una lingua romanza, essendo la norma fino allora di vergare tutto in latino. Il testo è giunto sino a noi grazie allo storico Nitardo, e comprende il giuramento fatto dai due sovrani e dai rispettivi eserciti, ognuno nella sua lingua di “appartenenza”, germanico (antenato del tedesco) per Ludovico e i suoi, romanzo francese per Carlo ed il suo esercito. L’unica copia esistente del manoscritto della Storia di Nitardo è conservata nella Biblioteca Nazionale di Francia, a Parigi.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Leggi anche

Contents.media
Ultima ora