×

Europa League, Roma-Villarreal 0-1: ecco le pagelle

default featured image 3 1200x900 768x576

È 1-0 per il Villarreal. Un match dell’Europa League fatto di mancanze, errori e miracoli. Gol di Borré al 15′. Espulso Rudiger. Il migliore è Alisson.

L’eventuale vittoria della Roma, in fin dei conti, non era così indispensabile, considerando il 4-0 dell’andata.

Ma la partita dei giallorossi, in questi ritorno di Europa League, è stata così brutta da dover essere subito archiviata. Il Villarreal vince con un gol di Borré su un errore di Vermaelen. Anche se, a dire la verità, la vittoria degli spagnoli poteva essere molto più ampia se non fosse stato per le parate di Alisson almeno in tre circostanze decisive.

La Roma si conquista gli ottavi e il Villarreal si toglie comunque la soddisfazione di avere, almeno in parte, riscattato il brutto colpo dell’andata.

“La prestazione dei giocatori è diretta conseguenza delle mie scelte – ha dichiarato il ct della Roma, Spalletti – I calciatori non c’entrano molto. Non li ho messi nella condizione di fare una buona partita”.

Ecco le pagelle.

ROMA

ALISSON: 7.5 – Scongiura il pallone che Hernandez avrebbe volentieri trasformato in una speranza. Fa disperare Soriano e Borré lo maledice per ben tre volte. Portiere volante.

MANOLAS: 5.5 – Il più nobile, almeno sulla carta, dei quattro superstiti di domenica (dal 1′ st, Rüdiger: 4 – sei già agli ottavi…perché andarti a cercare l’espulsione?).

VERMAELEN: 5 – Sembra pronto, ma non lo è. Smette di soffrire quando i ritmi si fanno più distesi e rassegnati.

JUAN JESUS: 6 – È il tutor di Vermaelen.

BRUNO PERES: 6 – L’acquisto più caro dell’estate soffre José Angel. Sembra una barzelletta. Ma non lo è (dal 39′ st, Fazio sv).

PAREDES: 5.5 – Sotto gli occhi di Falcao, soffre di attacchi di timidezza.

DE ROSSI: 5.5 – Il Villarreal brilla al centrocampo.

Un po’ anche per colpa sua (dal 31′ st, Nainggolan sv: ogni palla che tocca accende lo stadio).

MARIO RUI: 6 – Prova a copiare il gol di Florenzi da metà campo. Ma certe magie non si possono ripetere.

PEROTTI: 5.5 – Totti gli porge sulla testa la palla del pari, ma quel brutto destro è un gioco da ragazzi per Fernandez.

TOTTI: 6 – Sebbene con una marcia in meno, firma le uniche iniziative degne di questo nome. Quando spara alto, l’Olimpico urla. Di delusione.

EL SHAARAWY: 5 – Appena Rukavina alza la paletta, schiaccia il freno.

VILLARREAL

FERNANDEZ: 6 – Se si fosse dimenticato i guantoni negli spogliatoi, non sarebbe cambiato nulla.

RUKAVINA: 6 – Gran bella figura contro ElShaa, che non lo salta mai.

ALVARO: 6 – Perdonato per aver perso Totti una volta di troppo.

BONERA: 6 – Sfida “d’antan” col capitano romanista. E non sfigura.

JOSE’ ANGEL: 6 – Quando giocava nella Roma, l’Olimpico gli faceva venire la tremarella. Ormai ne è passato di tempo.

ROBERTO SORIANO: 6 – Scarica (invano) bolidi verso la porta, quando tenta di fino. Con lui, Alisson ha faticato più che con gli altri.

HERNANDEZ: 6.5 – Dispettoso con gli avversari, antipatico da fuori a metà primo tempo.

BRUNO SORIANO: 6 – I muscoli non solo si vedono ma si sentono (dal 32′ st, Dos Santos sv: un minuto e tenta il 2-0).

CHERYSHEV: 5.5 – Cerca di dar fastidio tra le linee ma, alla fine, non nuoce mai (dal 28′ st, Bakambu sv).

SOLDADO: 6 – Ha il merito di aver creato il cross su cui Vermaelen, ahilui, si è imbambolato (dal 21′ st, Adrian Lopez sv).

BORRÈ: 6.5 – È l’unico a crederci, ma sbatte per ben tre volte su Alisson.

Contents.media
Ultima ora