I 5 monumenti di Londra da visitare: la classifica
I 5 monumenti di Londra da visitare: la classifica
Viaggi

I 5 monumenti di Londra da visitare: la classifica

monumenti di Londra

Monumenti di Londra da non perdere nel corso di una visita di pochi giorni: i cinque migliori punti chiave, ecco la classifica

E’ la città più estesa di Europa per superficie, ma non è certo questa caratteristica a renderla unica e speciale: Londra è particolare per mille motivi, ed è una di quelle città che si possono visitare in tutte le stagioni. Suggestiva con le sue luci nel periodo invernale, in particolare a Natale; bella e non calda in estate, con le giornate che durano fino a tardi. Per visitare bene Londra, e i suoi dintorni, c’è bisogno di un po’ di tempo, ma chi ha solo pochi giorni per viaggiare nella capitale londinese, esistono alcuni monumenti che sono anche dei simboli, e che non vanno assolutamente tralasciati.

Monumenti di Londra

Cattedrali, musei, ponti e palazzi storici: i monumenti di Londra da visitare, si diceva, sono innumerevoli e quando si pianifica una visita nella città britannica c’è davvero l’imbarazzo della scelta. Il simbolo da cartolina di Londra è di certo il Big Ben. Con questo termine si identifica la torre con l’orologio che si trova all’angolo nord-est del palazzo di Westminster, l’House of Parliament, ma in realtà il nome identifica la campana più grande dell’orologio stesso.

La torre, che può essere ammirata anche a distanza, è alta 96 metri ed è stata costruita nell’800.

In occasione del Giubileo di diamante di Elisabetta II, nel 2012, è diventata ufficialmente la Elizabeth Tower. Le campane del Big Ben suonano ogni quarto d’ora, ma il 21 agosto 2017 alle 12 la Torre ha effettuato gli ultimi dodici rintocchi, prima di osservare il silenzio più lungo della sua storia: fino al 2021, infatti, il monumento sarà sottoposto a una serie di lavori.

Non lontano dal parlamento londinese c’è la famosissima Abbazia di Westminster, la chiesa pi importante di Londra, sede delle incoronazioni dei sovrani d’Inghilterra, dei matrimoni dei sovrani e della sepoltura di personaggi importanti. Proprio per questa sua funzione particolare, l’abbazia non è soggetta all’autorità diocesana, ed è direttamente di proprietà della monarchia britannica. L’Abbazia di Westminster è stata costruita tra il 1045 e il 1050, in stile gotico, mentre l’interno è a croce latina ed è a tre navate. Seconda solo a Westminster è la cattedrale di San Paolo che, assieme a Southwark, è una delle due cattedrali anglicane di Londra, un capolavoro di architettura creato da Christopher Wren.

È il secondo edificio religioso per dimensione di tutta la Gran Bretagna, secondo solo alla cattedrale di Liverpool.

Torre di Londra

Recandosi a Londra è impossibile non respirare l’aria della Corona e non visitare monumenti e luoghi legati ai sovrani britannici. Basti pensare alla Torre di Londra, lo storico castello sulla riva nord del Tamigi, di fronte al famosissimo Tower Bridge, che ospita i gioielli della Corona. Si tratta di un complesso fondato nel 1066 e che nel corso dei secoli ha rappresentato un luogo simbolo della storia inglese. Attualmente la Torre di Londra fa parte dell’Historic Royal Palaces ed è protetta come Patrimonio Mondiale dell’Umanità: all’interno l’attrazione principale è rappresentata dai gioielli della Corona inglese, dai piatti ai simboli della regalità come i gioielli, appunto, la corona, lo scettro e la spada. Non va dimenticato infine, il simbolo più importante della monarchia: Buckingham Palace, residenza ufficiale del sovrano. In questo palazzo, maestoso e bellissimo dall’esterno, avvengono numerose cerimonie pubbliche e momenti attesissimi dai turisti, come il famoso cambio della guardia.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche