×

Marche, sette comuni verso l’arancione rafforzato: l’annuncio del governatore Acquaroli

Sette comuni delle Marche rischiano l'arancione rafforzato da mercoledì: il governatore raccomanda prudenza e attenzione.

Marche comuni arancione rafforzato

Sette comuni delle Marche rischiano la zona arancione rafforzata a partire da meroledì 12 maggio: le aree verranno monitorate analizzando i dati di tutta la settimana per poi, entro lunedì, decidere se sottoporle a misure di restrizione più stringenti. 

Marche, sette comuni a rischio arancione rafforzato

Ad annunciarlo è stato l’assessore regionale alla Sanità Filippo Saltamartini, presente insieme al governatore Francesco Acquaroli agli stati generali dell’Ente Parco naturale del Conero a Sirolo. L’esponente locale ha confermato che, pur volendo attendere i dati ufficiali, la regione dovrebbe rimanere in zona gialla per un’altra settimana: “I numeri ci dicono che siamo in una situazione di stabilità, cioè in una fase ancora da fascia gialla mi auguro e spero“. 

Marche, comuni a rischio arancione rafforzato: terapie intensive non diminuiscono 

Il presidente della Regione non ha però nascosto la sua preoccupazione per la mancanza della discesa dei ricoveri vista nelle precedenti settimane. Nonostante la campagna vaccinale continui senza sosta, ha spiegato, il numero delle terapie intensive rimane costante e non si appresta a diminuire. In due settimane e mezzo questo è infatti sceso da 160 a 70, “ma poi nelle due settimane successive non siamo riusciti a scendere ulteriormente“. Il che vuol dire che a fronte di persone che guariscono ed escono dalla Rianimazione ce ne sono altrettante che continuano ad averne bisogno. 

Di qui il suo invito alla massima attenzione con la fiducia su un’altra settimana di zona gialla ma con anche l’attenzione ad una pandemia che ancora gira ed è presente. 

Marche, comuni a rischio arancione rafforzato: quali sono

I paesi che rischiano l’introduzione di una zona arancione rafforzata sono Acqualagna, Petriano e Fossombrone (provincia di Pesaro), Folignano, Acquaviva Picena e Castel di Lama (provincia di Ascoli Piceno) e Montappone (provincia di Fermo). Il monitoraggio non include tra gli osservati speciali quei Comuni nei quali l’incidenza supera i 250 casi su 100mila abitanti se i positivi sono in numero inferiore a dieci. 

Speriamo siano casi singoli ed isolati quelli che si sono verificati, altrimenti altri Comuni rischiano di andare nella zona arancione rafforzata“, ha affermato Acquaroli invocando alla prudenza. Nei giorni precedenti era stata istituita la medesima fascia nei comuni di Montelabbate e Vallefoglia in provincia di Pesaro Urbino e Cerreto d’Esi in provincia di Ancona. Attualmente tutti e tre sono tornati in giallo. 

Contents.media
Ultima ora