×

Coronavirus, Musumeci: “In Sicilia vietate le passeggiate coi bambini”

Condividi su Facebook

Il governatore della Sicilia ha emesso un'ordinanza restrittiva che vieta le passeggiate genitori-figli concesse dalla circolare del Viminale.

coronavirus sicilia musumeci passeggiate vietate
coronavirus sicilia musumeci passeggiate vietate

Nello Musumeci si scontra con il Viminale dopo la diffusione della circolare che consente le passeggiate genitori-figli nonostante l’emergenza coronavirus: “In Sicilia sono vietate“, ha chiosato. Il governatore, infatti, è convinto che questo possa portare le persone ad uscire anche qualora non avessero bambini piccoli. La circolare, invece, precisa che le passeggiate sono consentite se vicino a casa (in un raggio di massimo 200 metri) e brevi. La richiesta dei genitori avrebbe trovato risposta dal Ministero dell’Interno, ma ha ricevuto moltissime critiche dai governatori.

Anche Gallera, preoccupato per la Lombardia, sta valutando la possibilità di introdurre un’ordinanza in grado di fermare questa possibilità.

Coronavirus, in Sicilia passeggiate vietate

“Sono assolutamente contrario alla possibilità data dal governo nazionale delle passeggiate con i bambini. Si faranno, ma solo quando sarà finita l’emergenza”. Con queste parole il governatore della Sicilia Nello Musumeci ha emesso un’ordinanza che si oppone alla circolare del Viminale: le passeggiate genitori-figli sono vietate.

Allo stesso modo, anche De Luca, il governatore della Campania, aveva opposto resistenza a questa decisione che, seocndo molti, vanificherebbe i sacrifici compiuti fino a oggi.

Se ci sono casi di bambini affetti da particolari patologie – ha poi concesso Musumeci -, questa possibilità sarà consentita, ma solo con la certificazione medica che attesti queste gravi patologie”. “Se passa l’idea che il peggio è passato – ha aggiunto ancora – è la rovina, si vanifica tutto. Si innesca un picco incontenibile. Nelle guerre le libertà personali subiscono pesanti sacrifici per il bene di tutti”.


Anche i medici si sono opposti a questa gentile concessione del Viminale: “Non è opportuno, in piena emergenza, consentire l’uscita dei bimbi ed esporli ai rischi, vanificando i sacrifici fatti fino ad adesso”.

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.


Contatti:

Scrivi un commento

1000

Contatti:
Laura Pellegrini

Nata a Verona, classe 1998, studentessa universitaria presso la facoltà di "Comunicazione e Società". Prima di collaborare con Notizie.it, ha scritto per L'Arena.

Leggi anche

Entire Digital Publishing - Learn to read again.