Morte di Stefano Mastrolitti: il ricordo su Facebook di R101

Musica

Morte di Stefano Mastrolitti: il ricordo su Facebook di R101

morte
Morte di Stefano Mastrolitti: il ricordo su Facebook di R101

In seguito alla morte di Stefano Mastrolitti, dj, R101, la radio dove lavorava, lo ricorda su Facebook. Ecco il ricordo della radio.

Tutta R101, la radio in cui lavorava, supporta e sostiene la famiglia di Stefano Mastrolitti, il dj morto suicida a soli 33 anni. Per ricordare il dj, la pagina Facebook di R01 si “veste” con le foto del dj. Attraverso il social di Facebook, R101 dà il saluto al dj Stefano Mastrolitti morto suicida all’età di 33 anni. L’immagine di copertina della pagina Facebook di R101 raccoglie tutte le foto più belle del dj. In questo modo i colleghi lo vogliono ricordare con affetto e dolore.

18446505-10155230195325979-9113673964309319068-n

In un post sulla pagina, vi è la didascalia, Non ti dimenticheremo mai. Un bel messaggio di affetto e di sostegno per lui e la sua famiglia. La morte del dj è avvenuta nel suo appartamento a Sesto San Giovanni, una zona vicino Milano. Una sua collega ha trovato il corpo e ha immediatamente fatto scattare l’allarme. Un lutto e una perdita terribile per tutti coloro che lo amavano e gli volevano bene.

Dalle prime indagini, sembrerebbe che il dj si sia suicidato. Il giovane soffriva di depressione per alcuni problemi familiari.

Stefano era padre di un bambino di 2 anni e marito. Un lutto devastante soprattutto per loro. Oltre alla moglie e al figlio, ne piangono la scomparsa gli amici, i genitori, i colleghi e tutti i fan che si sono affezionati. Non si sa ancora con esattezza la causa della morte, in quanto i dettagli non sono stati ancora resi noti.

Il giovane era di Bari. Prima di approdare a R101, aveva lavorato a Radio Norba, una emittente radiofonica pugliese. Era sia giornalista che speaker. La sua trasmissione radiofonica andava in onda tutte le mattine insieme a Chiara Tortorella e Riccardo Russo.

Nel 2016, ricevette il premio di Speaker dell’anno, un contributo prezioso per la sua carriera e per tutti coloro che lo seguivano e lo amavano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche