×

Giletti: “Su La7 farò l’Arena. Non rinuncio alla mia dignità”

La Rai cancella L'Arena di Giletti senza spiegarne il motivo e lui decide di prendere accordi con La7 per continuare la trasmissione

default featured image 3 1200x900 768x576

Giletti decide di rifare L’Arena su La7, dopo che il suo programma domenicale era stato definitivamente chiuso dalla Rai. Si dichiara un uomo libero e sostiene con fierezza di non voler rinunciare alla sua dignità. Con la Rai ha rotto per sempre e non ha intenzione di tornarvi.

L’Arena di Giletti torna in onda su La7

Il programma domenicale di Massimo Giletti, L’Arena, è stato definitivamente cancellato dalla Rai. I motivi per cui ciò sia avvenuto sono sconosciuti, ma Giletti si mostra indignato e dice di aver già preso accordi con La7 perché L’Arena venga nuovamente mandata in onda.

“Alla Rai ero scomodo, sono un uomo libero e non ho mai avuto padroni” ha dichiarato il conduttore, che, tra le due opzioni a cui si è trovato di fronte, ha scelto la via per la libertà piuttosto che quella per i soldi.

Dice, infatti: “Il denaro in questa storia è all’ultimo posto, non potevo abdicare alla dignità“.

Giletti ha scelto La7 come panacea per rimediare alla situazione attuale e per continuare a perseguire il successo come conduttore e giornalista. Riferendosi al suo programma, L’Arena, giustifica così la sua decisione: “Rifarò L’Arena. La mia Arena. Qualcuno sperava che non andasse più in onda perché, dicono, dava molto fastidio. Ma L’Arena è la mia creatura professionale, l’ho fatta nascere, l’ho modellata.

Ho scelto La7 perché ho capito che era lì la strada per dare continuità a questa esperienza“.

I dettagli su quando sarà mandato in onda il programma non sono ancora stati definiti e Giletti stesso sostiene che sia ancora troppo presto per pianificarli. “Dico solo che L’Arena continuerà a esistere, a dar voce all’Italia che ha scoperto e capito. La ragione per cui ho deciso per un simile passo è stata proprio la continuità del programma” prosegue Giletti, affermando, quindi, che tutto ciò che sta facendo è per il bene del programma e di chi lo segue costantemente.

La Rai contro Giletti

Quando gli viene chiesto come mai, secondo lui, il programma è stato cancellato, risponde: “Evidentemente il direttore generale, che ha la piena libertà di scegliere la propria linea editoriale, ha ritenuto che il successo di un programma seguito da quattro milioni di spettatori, con oltre il 22% di share dalle 14 alle 15, non bastasse per essere riconfermato. Evidentemente L’Arena è un programma scomodo“.

Dalla Rai, in effetti, non è stato dato alcun comunicato ufficiale, quindi la cancellazione del programma risulta sospetti. Quando viene insinuato che la Rai potrebbe aver avuto delle antipatie per il fatto che la trasmissione di Giletti esprimesse una cultura di centrodestra, lui afferma di essere sempre stato super partes, nonostante il sostegno di politici come Meloni e Salvini.

“Credevo bastasse per una tv pubblica avere questi risultati come garanzia. Evidentemente non è così. E un domani qualcuno dovrà spiegare, non a Giletti ma ai quattro milioni di telespettatori, perché L’Arena è stata chiusa. Ma la verità, non le favole”.

Contents.media
Ultima ora