Mirabelli "Sarà un Milan giovane. Donnarumma? Spero resti"
Mirabelli “Sarà un Milan giovane. Donnarumma? Spero resti”
Sport

Mirabelli “Sarà un Milan giovane. Donnarumma? Spero resti”

mirabelli milan
mirabelli milan

Il dirigente rossonero loda Gattuso e afferma: "Siamo la squadra più giovane di Serie A, ricostruiremo su questa nidiata di ragazzini".

Ripartire dai giovani, in campo e in panchina. È questa per Massimiliano Mirabelli la linea da seguire per il Milan in vista dell’imminente calciomercato estivo. Intercettato a margine del Premio Gentleman 2018, il direttore sportivo milanista ha voluto precisare come i rossoneri siano la squadra dall’età media più bassa in Serie A, una scelta frutto della volontà della società di aprire presto un nuovo ciclo che poggi su un gruppo di calciatori giovani e talentuosi. Il dirigente ha poi confermato la fiducia a Gattuso e smentito eventuali problemi con Donnarumma.

Mirabelli sul mercato del Milan

Dopo il calciomercato milionario della scorsa stagione, che però non ha dato i risultati sperati sul campo, Massimiliano Mirabelli si prepara ad un’altra estate movimentata sul versante dei trasferimenti, con giocatori da trattenere e altri da acquisire, ma sempre con un’occhio alla politica della società che privilegia i giovani.

Intercettato a Milano durante l’evento per la consegna del Premio Gentleman 2018, Mirabelli ha sottolineato innanzitutto come per il Milan sia fondamentale chiudere al meglio la stagione: “Con la Fiorentina servirà un ultimo grande sforzo perché dobbiamo difendere questo sesto posto facendoci trovare preparati, perché sappiamo che nessuno ci regalerà nulla”.

Sul fronte mercato, inevitabile il riferimento a Donnarumma, protagonista di un’altra incertezza nella sfida pareggiata con l’Atalanta, e non sicuro del suo ruolo per la prossima stagione, visto l’acquisto già chiuso del portiere del Napoli Pepe Reina a parametro zero:

“Donnarumma ha avuto alti e bassi, come tutti noi.

È un ragazzo giovane, non va dimenticato, è un campione e un giocatore importante per il Milan e il calcio italiano. Ha avuto dei momenti difficili ma noi gli stiamo vicini e non c’è un caso Donnarumma. Spero resti”.

Improntati al futuro

Sulle voci che lo avevano messo in dubbio nelle ultime settimane, Mirabelli ha risposto che “si tratta di cose che riguardano più che altro la stampa. Io lavoro 24 ore su 24 con questa società, abbiamo iniziato un progetto e stiamo lavorando per il futuro”.

Sull’attaccante del Torino Belotti, inseguito dai rossoneri già la scorsa estate ma senza successo, il direttore sportivo ha glissato dicendo che “non parliamo di giocatori di altre squadre, non è corretto. Pensiamo a cose di casa nostra, abbiamo le idee chiare su ciò che dovremo fare”.

Certezza Gattuso

Qualunque cosa riserverà il calciomercato, il Milan per la prossima stagione ripartirà dal tecnico Gennaro Gattuso, che ha recentemente firmato il prolungamento del suo contratto fino al 2021.

Nonostante il finale di stagione, vissuto tra alti e bassi, Mirabelli è più che convinto della bontà della scelta fatta dal club: “Abbiamo fatto un contratto a Rino Gattuso, che è un allenatore giovane ma preparatissimo. Non è solo un patrimonio del Milan, ma a livello mondiale. Gli piace lavorare e ha idee importanti, e noi ce lo terremo stretto e insieme a questa nidiata di ragazzini cercheremo di fare qualcosa di importante per il futuro”.

Proprio sull’età della rosa rossonera si è infine soffermato il direttore sportivo: “Siamo il Milan, la squadra più giovane della Serie A. È una scelta ben precisa perché vorremmo aprire un ciclo e volevamo una base di giocatori giovani su cui ricostruire“.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Alessandro Bai
Alessandro Bai 189 Articoli
Alessandro Bai, nato nel 1991 a Milano, città che ama ma da cui non può fare a meno di spostarsi (e ritornare, sempre). Una mamma brasiliana, un anno di studi in Inghilterra e la passione per le lingue mi hanno dato l'apertura mentale che cerco di riportare nel giornalismo. Racconto di sport per fare emozionare.