×

Sharon Stone, la scelta sugli organi del nipotino scomparso: “Ha salvato tre vite”

Sharon Stone ha confessato che gli organi di suo nipote River sarebbero stati donati dopo la sua scomparsa.

Sharon Stone
Foto LaPresse - Andrea Panegrossi 02/12/2018- Roma, Italia. CRONACA Sharon Stone riceve la Medaglia d'oro al Merito della Croce Rossa Photo LaPresse - Andrea Panegrossi 02/12/2018- Rome, Italy Sharon Stone receives the Gold Medal of Merit of the Red Cross

Sharon Stone ha confessato che grazie alla donazione degli organi il suo nipotino, River, sarebbe riuscito a salvare la vita di tre persone.

Sharon Stone: la scomparsa del nipote

Il piccolo River Stone, figlio del fratello di Sharon Stone, è scomparso improvvisamente lo scorso agosto a causa di un’improvvisa insufficienza multiorgano.

La celebre attrice ha confessato che alcuni organi del piccolo sarebbero stati donati ad altre persone, che si sarebbero così salvate miracolosamente dai problemi di salute: 

“Il fatto che il mio nipotino sia stato in grado di salvare due vite, due bambini e un uomo di 45 anni, è stata una vera benedizione per la nostra famiglia. Quello che posso dire è che non potete mai sapere quando una tragedia colpirà la vostra vita e quella della vostra famiglia.

Ma vi posso garantire che questa opportunità, quella della donazione degli organi, ha salvato la nostra famiglia”, ha dichiarato l’attrice. Il piccolo River Stone è scomparso a soli 11 mesi. L’attrice era rientrata in tutta fretta negli States per stare accanto alla sua famiglia e aveva chiesto ai suoi fan di pregare per lui poco prima che morisse.“ Per favore pregate tutti per lui, abbiamo bisogno di un miracolo”, aveva scritto l’attrice. 

Sharon Stone: i fratelli

Sharon Stone ha quattro fratelli: Kelly, Quinn, Roan, Laird. La sorella dell’attrice, Kelly, è affetta da lupus e durante l’emergenza Coronavirus è risultata positiva a Covid-19. Più volte attraverso i social Sharon Stone ha lanciato appelli per intimare ai suoi fan di rispettare le misure di sicurezza preservando così la loro salute e quella delle persone più fragili. “Mia sorella ha il Covid-19 per colpa di qualcuno di voi che non indossava la mascherina.

Mia sorella già soffre di lupus, lei non ha un sistema immunitario. L’unico posto in cui è andata è la farmacia. Indossate la mascherina! Fatelo per voi stessi e per gli altri”, aveva dichiarato l’attrice.

Sharon Stone: gli abusi

In passato Sharon Stone ha confessato che lei e sua sorella Kelly avrebbero subito abusi quando erano ancora bambine. “La nonna ci chiudeva a chiave nella stanza con il nonno e poi lui ci molestava e quando lui era steso nella bara, l’ho toccato con la mano e l’incredibile soddisfazione che ho provato quando mi sono resa conto che era finalmente morto, mi ha colpita come una tonnellata di ghiaccio. Ho guardato Kelly e lei ha capito: aveva 11 anni ed era finita”. 

Contents.media
Ultima ora