Supercoppa, doppia invasione di campo in Juventus-Milan | Notizie.it
Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Supercoppa, doppia invasione di campo in Juventus-Milan
Sport

Supercoppa, doppia invasione di campo in Juventus-Milan

Juventus Milan, invasione di campo

Doppia invasione di campo nel match di Jeddah: i tifosi irrompono sul rettangolo verde durante riscaldamento, poi a pochi minuti dal fischio d'inizio.

A pochi minuti dall’inizio del match di Jeddah valido per la Supercoppa italiana, mentre i giocatori della Juventus sono appena scesi in campo per il riscaldamento e quelli del Milan si apprestano a terminare la fase di stratching, accade un curioso episodio. Le due squadre appaiono concentrate e coccolate dai cori dei numerosi tifosi presenti sugli spalti, ma proprio qualche istante prima del fischio d’inizio un supporter della Vecchia Signora è riuscito a superare il varco formato dagli steward. Al di là del cordone di sicurezza l’uomo improvvisa una corsa disperata verso i suoi idoli bianconeri magari, bramando un selfie con il craque portoghese Cristiano Ronaldo. Niente da fare. Il tifoso pur destando lo stupore e il clamore dei tanti presenti allo stadio, è stato prontamente bloccato dalle forze di sicurezza. Questo episodio non sarà l’unico della serata.

Juventus-Milan e la “doppia” invasione di campo

Mentre scocca il secondo minuto di gioco della supersfida tra bianconeri e rossoneri, il giudice di gara Banti è costretto a interrompere il gioco.

Nuova invasione di campo, questa volta “andata a buon fine”. Un tifoso memore dell’insuccesso del suo “collega” è riuscito ad avvicinarsi a CR7, giusto il tempo necessario per trovarsi vis à vis con il portoghese. La corsa dell’invasore non si arresta e l’uomo prosegue nella sua sfilata stringendo la mano in un cenno d’intesa con alcuni calciatori del Milan, salvo poi essere finalmente trattenuto da alcuni agenti di sicurezza. Insomma dopo le innumerevoli polemiche sull’accesso alle donne durante la partita di Supercoppa, questi episodi strappano un sorriso amaro al solo pensiero che gli “accompagnatori” dovrebbero essere destinati a chi interrompe (stupidamente) uno spettacolo calcistico di questa portata.

© Riproduzione riservata

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Francesco Leone
Francesco Leone 187 Articoli
Francesco Leone, classe '94, cresciuto a pane, pallone e politica. Leccese in terra meneghina, braccia strappate alla cronaca sportiva e donate al reporting nudo e crudo, anche se spesso e volentieri ritorna alle origini. Ha fatto l'autore, il cronista, il reporter e lo stagista per una televisione nazionale, ora scrive e lavora a inchieste e reportage. Veni, vidi, dixi.