Quanto costa mantenere un cane di taglia piccola
Quanto costa mantenere un cane di taglia piccola
Animali

Quanto costa mantenere un cane di taglia piccola

costo di un cane

Se state pensando di prendere un cane, non possiamo che essere felici per voi. Considerate bene, però, le spese che dovrete affrontare, anche se il cane dovesse essere di piccola taglia. Ecco quali sono.

Possedere un cane dà sempre incredibili soddisfazioni. È appagante vedere la gioia con cui ci accolgono a casa, con cui si accoccolano al nostro fianco sul divano o la felicità che trasmettono quando si comportano in modo buffo. Certo, chi decide di diventare padrone di un cagnolino deve sapere, però, che è anche un impegno gravoso. Anche se la scelta dovesse ricadere su un cane di piccola taglia. A quanto può ammontare il costo di un cane, anche se piccolo? Proviamo a considerare quali spese sono da affrontare e quanto possono incidere sul bilancio mensile.

Costo di un cane di piccola taglia

Se avete ormai deciso di allargare la famiglia con un nuovo cucciolino, siamo certi che non vi pentirete della vostra scelta. L’amore che proverete per il vostro cane ripagherà gli sforzi, senz’altro. Quelli economici, però, è opportuno considerarli prima di procedere. Le stime dimostrano che il costo medio di un cane di media o piccola taglia partono da un minimo di 1000 euro all’anno fino ad un massimo di 3000.

Ciò di dipende soprattutto dal luogo in cui si vive e dallo stile di vita che si sceglie per il proprio amico peloso. La scelta dell’alimentazione, ad esempi, o costituisce una grande variabile sul costo di mantenimento. A partire dalla marca delle crocchette e dalla quantità giornaliera che consuma, il costo può variare considerevolmente. Si è stabilito che la media di crocchette per un cane d’appartamento è di non più di 150 grammi al giorno. Ciò varia, però, anche in base all’attività fisica che svolge oltre che, ovviamente, alle dimensioni. La spesa media, solo per il mantenimento alimentare, però, costituisce la metà della spesa annua, ovvero circa 500 euro.

I costi del veterinario

Oltre alle spese base del cibo, vanno considerati, però, molti altri costi. I nostri amici a quattro zampe devono esser sottoposti a visite periodiche di controllo – una all’anno, è consigliabile – con prezzi che variano in base al veterinario.

Spesso, comunque, questi prezzi possono arrivare a 150 euro, ai quali poi si aggiungono i costi dei vaccini obbligatori quali l’antirabbica e l’eptavalente. Il costo di un cane, inoltre, deve tenere in conto anche i piccoli o grandi imprevisti.

Altri costi da considerare

Per il benessere del nostro cane dobbiamo anche esser pronti ad affrontare spese legate al suo benessere mentale e psicofisico. Il movimento e l’attività giornaliera, anche per un cane di taglia ridotta, sono molto importanti. Contate, quindi, la spesa degli accessori come il guinzaglio, il collare, la cuccia e giochi vari. Contiamo, quindi, una spesa di circa 300 euro almeno per il primo anno che, certo, non si dovrà affrontare negli anni a venire. Oltre al benessere finisco, la pulizia e la toelettatura rappresentano una spesa aggiuntiva da non prendere sotto gamba. Infatti, in media, il costo di questi servizi è tutt’altro che a buon mercato.

Certo, ci sono diverse variabili da considerare. Occorre valutare la grandezza del cucciolo e la frequenza con cui viene curato. In generale, comunque, se il cane vive in casa le spese di pulizia saranno un po’ più frequenti. Si va dai 200 euro annui, fino, in alcuni casi, anche a mille 1000 euro. Alcuni padroni, proprio per questo motivo, preferiscono ridurre la spesa provvedendo personalmente alla pulizia del proprio cucciolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche