Europei preoccupati per il loro denaro, non sanno pero’ risparmiare COMMENTA  

Europei preoccupati per il loro denaro, non sanno pero’ risparmiare COMMENTA  

Soldi

Quasi due terzi della popolazione sono preoccupati per le loro finanze, ma la maggior parte non riescono a prendere misure per migliorare la loro situazione, un’indagine rivela oggi. Circa il 43 per cento ha detto che preoccupati per i soldi ‘più spesso che no’, mentre il 17 per cento preoccupato tutto il tempo.

Leggi anche: West Side Story: bando audizioni per lo spettacolo al Manzoni di Milano

Solo tre per cento degli intervistati hanno detto che non si preoccupò mai di soldi, secondo il sondaggio YouGov per l’Istituto di Pianificazione Finanziaria (IFP) e risparmio nazionale e gli investimenti (NS & I).

Questo dato è stato un calo significativo del 12 per cento che ha detto questo quando la stessa ricerca è stata effettuata nel 2009.

Leggi anche: Vola in 20 anni il fisco locale, è Roma la città più tartassata

Quasi la metà delle persone ricoverate hanno trovato difficoltà a fare i loro ultimi soldi fino a quando non sono stati pagati prossimo, con le donne più probabile che la lotta degli uomini. Ma, pur essendo preoccupati per i soldi, solo il 14 per cento aveva preso tempo per identificare le proprie priorità e il piano finanziario nei loro confronti.

(Foto © Google)

Leggi anche

opec
Economia

Ecco cosa dice il nuovo accordo dell’OPEC

Dopo 8 anni l’OPEC ha trovato un accordo per la riduzione della produzione di petrolio: circa 1,2 mln di barili in meno al giorno. Coinvolta anche Mosca. L’OPEC, l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, ha appena siglato un nuovo accordo quadro. E’ la prima volta che accade una cosa del genere da otto anni a questa parte ed è un risultato arrivato al termine di una trattativa molto complessa, che vedeva contrapposti i tre principali produttori mondiali, Arabia Saudita, Iraq e Iran. In più, il nuovo accordo ha coinvolto anche Paesi che dell’OPEC non fanno parte, come la Russia. L’effetto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*