Nasce la piattaforma Pinetrall di Intel per i netbook COMMENTA  

Nasce la piattaforma Pinetrall di Intel per i netbook COMMENTA  

Sempre più persone nel momento in cui devono acquistare un nuovo computer, specialmente se si tratta di un utillizzo per fini domestici, preferiscono un netbook perchè ha dalla sua il vantaggio di poterlo portare sempre con sè e di occupare poco spazio.

Quelli dotati dei processori Atom, in particolare, hanno come caratteristica principale il risparmio energetico ed è stato questo il motivo fondamentale del successo decisamente importante che stanno riscuotendo nell’ultimo periodo.

Nell’anno che si sta per concludere, infatti, sono stati messi in commercio ben 40 milioni di computer con queste caratteristiche che sono disponibili sul mercato anche a un costo non eccessivo e secondo alcune previsioni la crescita delle loro vendite è destinata a aumentare sempre di più anche nei prossimi cinque anni.

Secondo una ricerca effettuata da Intel, inoltre, netbook e notebook potranno convivere sul mercato anche in futuro perchè vengono scelti dagli utenti per motivi differenti: i primi solitamente vengono preferiti da chi passa diverse ore della giornata a navigare in internet e per i servizi di instant messaging, mentre gli altri sono più adatti per chi utilizza contenuti multimediali come file e video musicali.

L'articolo prosegue subito dopo

Nel frattempo, però, sono nati concorrenti sempre più importanti di Intel, che quindi si è trovata a dover fronteggiare una situazione che in passato non c’era e per questo ha cercato di introdurre novità che portassero gli utenti a continuare a sceglierla. Proprio per questo scopo è nata Pinetrall, una nuova piattaforma che verrà montata sui nuovi prodotti. Potremo cominciare a vederla integrata nei nuovi dispositivi a partire dal 4 gennaio del prossimo anno, ma possiamo già avere qualche anticipazione a riguardo. E’ formata da 2 chip rispetto ai vecchi 3 a cui eravano abituati e questo permette di realizzare prodotti più piccoli e con minori consumi e di migliorare la velocità del sistema. I sistemi operativi su cui verrà montata saranno: Windows XP, Vista, 7 e Moblin, realizzato da Linux. Immagine tratta dal sito www.omniablog.net/video/

Leggi anche

Tecnologia

Firma digitale: quante se ne possono avere

Nel nostro sistema giurisprudenziale, la firma digitale viene definita per la prima volta nel DPR 10 novembre 1997 n. 513 che disciplina la” formazione , l’archiviazione e la trasmissione di documenti con strumenti informatici e telematici”. Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*