Capri, una frana si abbatte sulla mitica via Krupp. Distrutta la “casa di Fra’ Felice” COMMENTA  

Capri, una frana si abbatte sulla mitica via Krupp. Distrutta la “casa di Fra’ Felice” COMMENTA  

La strada ‘tra cielo e terra’ aveva riaperto solo otto mesi fa, tra i sorrisi di chi ancora crede nel mito di capri. La scorsa notte una frana ha di nuovo troncato il sogno di via Krupp, leggendaria strada caprese che, dalla zona della Certosa e dei Giardini di Augusto scende a picco sul mare, tra tornanti sospesi nel vuoto, fino a Marina Piccola. Un piccolo gioiello architettonico, voluto ai primi del ’900 dal magnate dell’acciao Alfred Krupp, che a lungo visse in una piccola villa situata lungo un sentiero laterale, nota come la casa di Fra’ Felice. Una frana, provocata dalla pioggia torrenziale e dalle rigide temperature di questi giorni, ha distrutto la piccola abitazione degli inizi del Novecento. Via Krupp, invece, non è stata danneggiata, ma lo smottamento riaccende l’allarme della fragilità di questo crostone, in passato già soggetto a pericolose frane.
La dimora dove soggiornò Alfred Krupp fu abitata nel ’500 dall’eremita Fra’ Felice, matematico portoghese della Certosa di San Giacomo, il cui vero nome era Consalvo Barreto. Il monaco aveva scavato nella roccia circa 100 gradini, che scendevano fino al mare. Era il prologo di via Krupp, realizzata e progettata dall’ingenere Emilio Mayer, che riuscì a costruire un sentiero dai tornanti così stretti da sembrare sovrapposti. La strada fu un successo e presto divenne uno dei simboli dell’isola. Un luogo magico e fragile, soggetto a continui controlli e costosi restauri. Il 29 giugno scorso, l’ennesima riapertura, alla presenza di Giorgio Napolitano. Ora, per restituire il gioiello di Krupp ai milioni di visitatori della prossima estate, serve un piccolo miracolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*