Palazzo Marino: più car-sharing in futuro COMMENTA  

Palazzo Marino: più car-sharing in futuro COMMENTA  

Il Comune di Milano punta molto sullo sviluppo del servizio di Car-sharing, cioè la condivisione dell’auto senza esserne proprietari. Si tratta di poter usare un’automobile e pagare le ore effettive del suo utilizzo. A Milano gli iscritti al servizio sono 3108. Le auto del car-sharing sono utilizzate per quasi 18.000 ore al mese. Nel giro di pochi anni esistono in città 54 punti per il ritiro e la consegna dell’auto, mentre sono circa 90 i veicoli a disposizione.

 

Il Comune, con propria delibera, ha individuato gli indirizzi per promuovere e incrementare il servizio. Ha anche fatto la richiesta al Ministero dell’ambiente per ottenere un co-finanziamento ad un progetto finalizzato a migliorare la qualità del car-sharing. Il progetto comporta un costo di 4.189.000 euro di cui 2.093.000 sono co-finanziati.

Leggi anche: Come risparmiare e guadagnare con blablacar

 

Una curiosità: da quando è entrato in vigore l’Ecopass i numeri di iscritti al servizio car-sharing è di 1400 a fronte dei 782 del 2007.

 

Per chi vuole saperne di più può rivolgersi al sito http://guidami.net/. Guidami è la società di cui è parte il Comune di Milano insieme a Legambiente.

Leggi anche: Drivenow: in cosa consiste e che novità porta

 

Segnala questo articolo su:Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.

Leggi anche

arresto-a-milano
Milano

Operazione anti spaccio a Milano: il video dell’arresto sui Navigli

Scene da film tra le vie di Milano con un triplice arresto in 'diretta' documentato dalle telecamere. Accade sui Navigli dove gli agenti della polizia in borghese hanno pedinato, filmato e arrestato tre persone. L'arresto è avvenuto in via Gola, epilogo di un'operazione della locale diretta dal vice comandante Paolo Ghirardi che ha portato al fermo di un 32enne italiano, R.F., di un tunisino 47enne, M.M. e di un egiziano di 48 anni, O.E.S. I tre sono stati a lungo seguiti ed osservati mentre spacciavano alla luce del sole per le vie di Milano ed una volta raccolto materiale video Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*