Matrimonio gay in una Chiesa valdese di Milano COMMENTA  

Matrimonio gay in una Chiesa valdese di Milano COMMENTA  

Matrimonio gay

La giornata di oggi sarà ricordata tra le varie notizie anche per la rivendicazione dei diritti dei gay, che ancora tendono ad essere discriminati nella nostra società e a non poter fare le stesse azioni di una normale coppia omosessuale ed è per questo che periodicamente nelle varie città italiane vengono organizzate manifestazioni come il Gay Pride, che è tornato ad avere luogo a Milano dopo diversi anni in cui non si verificava.

Una delle azioni che però ancora non è possibile in Italia per due persone gay che si amano è potersi unire in matrimonio dato che non c’è ancora una legge in Parlamento che lo permette, anche se oggi è stata fatta un’eccezione a questo con la celebrazione a Milano delle nozze di Ciro e Guido che è stata fatta in una Chiesa valdese. I due uomini dono ormai fidanzati da circa sette anni e in virtù del loro amore hanno sempre manifestato la volontà di rendere ufficiale il loro rapporto senza avere timore di essere soggetti a critiche, ma grazie alla loro fede protestante hanno deciso di proporre la loro idea sul matrimonio ai valdesi che hanno accolto l’idea con entusiasmo dandogli la possibilità di realizzare il loro sogno proprio oggi.

La Chiesa valdese può essere considerata una sezione del credo protestante, che non ha però tra i suoi sacramenti il matrimonio, ma per il pastore che si occuperà di di presiedere la cerimonia si tratta di un momento in cui si vuole riconoscere un amore sincero che unisce ormai da diverso tempo due persone e che non devono quindi sentirsi in difetto per questo. Nonostante la ceirmonia che li farà diventare due sposi, per lo Stato italiano fino a che non verrà introdotta una legge in merito Ciro e Guido continueranno ad essere considerati due sconosciuti, anche se sono ancora in molti i cattolici che guardano con sdegno a questa idea dato che Dio ha sempre riconosciuto l’unione tra uomo e donna come illustrato nella Bibbia.

Immagine tratta dal sito www.donna10.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*