L’ideologia della sofferenza COMMENTA  

L’ideologia della sofferenza COMMENTA  

Presentando il nuovo compagno di merende Giulio Di Donato, Clemente Mastella ha elogiato l’ex socialista braccio destro di Craxi con parole a dir poco commoventi: Ci unisce l’ideologia della sofferenza, ci siamo ritrovati a soffrire assieme ognuno rispetto a problemi inquietanti, su cui non voglio emettere alcuna sentenza.

Il modo in cui umanizziamo i problemi velocizza l’intesa politica di oggi Vorrei analizzare il concetto di ideologia della sofferenza, concetto che generalmente è utilizzato quando c’è un accanimento (vedi il caso Englaro) contro un essere umano non rispettandone i diritti in nome di una ideologia.

Lasciando stare le vicende pubbliche Di Donato, ci chiediamo: in cosa consiste questo calvario mastelliano? Pensate che il mastino di Ceppaloni è stato costretto a capitolare nel parlamento europeo percependo una misera diaria.

Al grido di “questi non sanno cosa si prende al Parlamento italiano”, Mastella è davvero sbiancato davanti ai 290 euro al giorno riconosciuti ai parlamentari europei.

L'articolo prosegue subito dopo

Al mese, Clem Clem perceisce 5.700 euro netti, ai quali si aggiungono 4.400 euro di spese generali, 17.500 di spese di segreteria e i vari rimborsi per viaggi, trasporti e hotel. L’ultima di Clemente fa più che sorridere. In cerca di elettori, Clemente ha pensato di diffondere nell’etere e nella rete il suo numero di cellulare: www.youtube.com/watch?v=Zy61CgDN9DU …continua.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*